Supporto professionale che conduce i genitori a scelte consapevoli in campo educativo.

Articoli con tag ‘sonno’

Sogni d’oro!

Se desideri fissare un appuntamento per una consulenza ONLINE su tale argomento  puoi utilizzare il modulo di contatto o inviare un messaggio Whatsapp al nr 3703282962.

 

Seguire delle corrette abitudini, anche per la messa a nanna, aiuta genitori e bimbi ad affrontare serenamente questo appuntamento quotidiano. Ecco di seguito alcuni suggerimenti:

– Parola d’ordine: SERENITA’! Infatti spesso il momento della nanna si carica di eccessiva ansia che viene trasmessa al bambino.

– Cercare di seguire sempre una routine per la nanna (prima pappa, poi bagnetto infine pigiamino, favola, carezze e coccole) perché infonde sicurezza. Fatto tutte le sere, la messa a letto risulterà più facile. Provare per credere… 🙂


– Dopo avere messo il bambino nel proprio lettino potete rimanere con lui, tenendogli la manina, cantando la ninna nanna, facendo sentire quindi la vostra presenza. Prima che sia completamente addormentato congedatevi e uscite dalla camera. Se il bambino chiama rispondete sempre ma attendete qualche minuto prima di rientrare, potrebbe mettere in atto strategie di auto-consolazione che lo aiutano a rilassarsi e ad addormentarsi in autonomia.

– Ovviamente il bambino più “grandicello” che non è abituato a dormire nel proprio lettino, si alzerà spesso e cercherà di essere preso in braccio o vi raggiungerà nel lettone. Rassicuratelo, per fare avvertire la vostra presenza e non sentirsi abbandonato, ma dolcemente rimettetelo disteso o riportatelo nel proprio lettino. Ovviamente per qualche giorno questa “ginnastica” risulterà estenuante ma, se sarete perseveranti, con il passare dei giorni andrà diminuendo.

– Se il bambino ha tra i 2/3 anni i risvegli e le difficoltà di addormentamento potrebbero essere legate alla pura del buio. Ecco qualche consiglio utile in questo articolo https://educatricepreneonatale.wordpress.com/2015/11/11/la-paura-del-buio/


Non addormentarlo nel lettone, per poi spostarlo nel lettino, ciò infatti  può spaventare. Come vi sentireste se vi addormentaste in un letto e poi durante il sonno vi spostassero in un altro…? Anche se il bambino è abituato ad essere allattato prima di andare a nanna cercate di metterlo nel proprio lettino prima che si addormenti al seno.

Ultimo consiglio: iniziate il prima possibile questa routine. In particolare non attendete i 7-8 mesi per abituare il bambino a dormire nel suo lettino perchè risulterebbe più difficile visto che a questa età il piccolo entra nella fase in cui teme il distacco e il sonno risulta più agitato per lo sviluppo di nuove abilità. (vedere risvegli notturni nel primo anno di vita).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: