Consulenza educativa per futuri e neogenitori

Articoli con tag ‘linguaggio’

Lo sviluppo del bambino da 0 a 12 mesi

Quando i neo genitori tengono tra le braccia il loro piccolo spesso si chiedono a quanti mesi inizierà a gattonare, camminare, parlare ecc. Di seguito vengono illustrate alcune tappe della crescita che, nell’arco temporale indicato, i bambini raggiungono. Mi sembra doveroso ribadire che queste finestre temporali sono indicative in quanto se un bambino a 12 mesi non cammina ancora, è prematuro preoccuparsi e pensare che ci sia necessariamente un ritardo nello sviluppo. Non dimentichiamo di osservare i nostri bambini, senza continui paragoni con i loro coetanei, ma  apprezziamo e valorizziamo la loro “unicità” .

Buona lettura!

NEONATO3

0 – 3 MESI

Il pianto, nelle varie modulazioni, è il sistema di comunicazione con cui il neonato interagisce con l’ambiente circostante.

Attraverso il pianto il neonato esprimerà: noia, fame, stanchezza, dolore, senso di disagio e tensione

La conoscenza dell’ambiente avviene prevalentemente utilizzando il tatto e il gusto (motivo per cui i bambini mettono tutto in bocca).

come-far-superare-al-neonato-la-paura-dellabbanmbino

3 – 6 MESI

Si assiste ad uno slancio di interesse verso il mondo esterno, questo può comportare delle difficoltà durante l’allattamento(infatti il bambino si distrae facilmente e non rimane a lungo attaccato al seno/biberon)

Il linguaggio

  • 3 Mesi: il bambino sente i propri suoni e per gioco ed imitazione li riproduce

  • 5 Mesi: ride ad alta voce e grida per attirare l’attenzione

  • 6 Mesi: inizia la “lallazione”cioè ripete sillabe semplici( ma- ma-, pa-pa)

A 3 mesi e 6 mesi la maggior parte dei bambini vanno incontro ai cosiddetti “picchi di crescita”. In queste fasi c’è un’accelerazione della crescita con aumento della massa corporea per cui il bambino potrebbe risultare più irrequieto e affamato. In genere nel giro di 2-3 giorni il bambino ritrova il suo ritmo

Neonato-sei-mesi

6 – 9 MESI

A 7- 8 mesi: il processo di attaccamento è completo. Il bambino rivolge continuamente le sue richieste a una sola persona e lo dimostra in due modi:

1) compare la paura dell’ottavo mese(o dell’estraneo) per cui il bambino piange se viene preso in braccio da persone a lui sconosciute;

2) il bambino usa come base sicura la persona a cui è attaccato per affrontare situazioni nuove guardandola in volto per verificarne le espressioni. Infatti è capace di leggere nel volto della madre se la nuova situazione è positiva o negativa.

Inizia a gattonare/strisciare/rotolare e a stare seduto. La conseguenza sarà che in questo periodo il sonno potrebbe farsi più agitato: di notte cercherà infatti di muoversi e ripetere ciò che ha imparato durante il giorno.

Compare “la permanenza dell’oggetto”. Il gioco del cucù diventa utile per fare capire al bambino che la mamma non “scompare” quando non è più nel suo campo visivo e abituarlo all’andare e venire delle persone.

Inizia la fase dello svezzamento.

gattonare

9 – 12 MESI

Comprende frasi semplici e associa il nome all’oggetto o alla persona e comprendo molte parole anche se non sa ripeterle

Ha bisogno di fare da solo: la casa va predisposta a “misura di bambino”

Il bambino inizia a stare in piedi e tenuto con la mano compie i primi passi. Tutto diventa una scoperta e l’emozione cresce ad ogni nuova conquista. Quando il bambino cade piange non perchè si fa male, ma perchè l’eccitazione di stare in piedi è finita!

E’ importante in questa fase incentivare l’autonomia e mostrarsi fiduciosi nel fatto che è capace di cavarsela da solo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: