Consulenza educativa per futuri e neogenitori

Articoli con tag ‘glutine’

Come e quando avviare lo svezzamento

infanzia1

Piramide alimentare per le prime settimane in cui si inseriscono vari alimenti. Fonte: http://www.piramidealimentare.it

Dopo il compimento del 5° mese solitamente si inizia a fare conoscere al bambino il cucchiaino . Per stimolare la sua curiosità gli si può permettere di tenere in mano un cucchiaino di plastica evitando quello di metallo perchè “freddo” e solitamente non gradito. Il bambino lo porterà spontaneamente alla bocca ed imparerà quindi a conoscerne la forma ma anche il sapore. Ricordiamoci infatti che fino a questo momento il sapore che conosce come familiare, per ciò che riguarda la sua alimentazione, è quello del seno materno o della tettarella del biberon. Per favorire questo passaggio e iniziare a fare conoscere nuove sapori si introduce la frutta cotta o grattugiata. All’inizio saranno pochi assaggi, successivamente si aumenta fino ad arrivare a 50 – 80g di frutta. Questi assaggi si possono inserire a metà mattina o nel pomeriggio. Intorno al 6° mese, quando il bambino avrà quindi perso il riflesso di estrusione della lingua e avrà un buon controllo del capo e spalle, si introducono le prime pappe.

Vediamo come prepararle:

– brodo di verdure ( 1 litro di acqua, 2 patate, 2 carote e 2 zucchine. Fare bollire per circa 1 ora e filtrare)

– carne omogeneizzata (meglio iniziare con gli omogeneizzati industriali perchè più sicuri dal punto di vista igenico e soprattutto più digeribili)

– crema di riso (in commercio troverete quelle istantanee che non richiedono cottura)

Unire a 150ml di brodo molto caldo 2-3 cucchiai di crema di riso(per la quantità esatta fare riferimento alle indicazioni che troverete sulla confezione), a questo punto aggiungere mezzo vasetto di omogeneizzato, un cucchiaino di olio poco grana (attenzione a non eccedere nella quantità di proteine durante il giorno).

Non scoraggiatevi se all’inizio il bambino non gradirà o farà la faccia schifata!!! Il passaggio da un’ alimentazione liquida ad una semi solida richiede tempi diversi e ogni bambino reagirà a modo suo. Se non accetta la novità non insistete ma riprovate dopo qualche giorno. Consiglio: non cercate di fare mangiare il bambino distraendolo con un gioco o peggio ancora davanti alla tv!. E’ invece necessario che il bambino possa inizialmente anche toccare con le mani il cibo e prendere confidenza con questa novità.

Una volta avviato lo svezzamento si possono inserire, una alla volta a distanza di 4 giorni, verdure nuove. In questo modo potremo verificare la tolleranza al nuovo alimento inserito.

Per quanto riguarda l’utilizzo di farine con glutine studi recenti tendono a consigliarne l’inserimento intorno al 6°/7° mese.

infanzia2

Piramide alimentare per una corretta alimentazione. Fonte: http://www.piramidealimentare.it

Dopo circa 3- 4 settimane si può introdurre la cena che sarà simile al pranzo ma sostituendo la carne con il formaggio fresco (ricotta, stracchino ecc).

Con il passare dei giorni potremo variare il tipo di carne (agnello, cavallo,pollo ecc) e di pesce.

Anche i legumi sono importanti per i bambini e possono essere proposti passati senza buccia. Molto graditi sono le lenticchie rosse decorticate.

In alternativa alla carne,  si può introdurre il tuorlo d’uovo.

Per avvicinarlo al cibo “dei grandi” sediamolo con noi durante la cena(ovviamente dopo avere mangiato la sua pappa) e proponiamogli ciò che stiamo mangiando.

Entro il 12° mese il bambino avrà assaggiato quasi tutti gli alimenti. A questo punto possiamo proporgli le stesse cose che mangiano gli adulti (ovviamente con buon senso!!)

E adesso un sondaggio… 🙂

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: