Il ciuccio

bambino-con-ciuccio

L’uso del ciuccio scatena varie controversie: da una parte troviamo lo schieramento di chi è fortemente convinto dei benefici, dall’altra invece gli oppositori che mettono l’accento sui rischi.

Ecco le ragioni di chi si schiera a favore:

  • i bimbi trovano nel ciuccio un effetto calmante e rassicurante (l’alternativa potrebbe diventare il pollice)
  • avrebbe un effetto analgesico (ad esempio durante le coliche)
  • ridurrebbe il rischio di SIDS

Dall’altra i possibili rischi:

  • aumenterebbe le difficoltà dell’allattamento al seno
  • aumenterebbe il rischio di otite media dopo il 6° mese.
  • creerebbe mala occlusione dentaria.

Per quanto riguarda la prima affermazione relativamente ai rischi, per esperienza personale ho visto bambini che passavano dal ciuccio al seno e al biberon senza alcuna difficoltà . Quindi non esiste una regola che vale per tutti, dipende molto da bambino a bambino e da come (ma sopratutto quando..) viene usato. La cosa importante è avere l’accortezza di introdurlo dopo che l’allattamento si è avviato.

L’aumento di rischi legati all’otite media potrebbe essere dovuto alla poca igiene del ciuccio. Inoltre possono intervenire diversi fattori quali la struttura anatomica naso-orecchio-gola.

Infine per quanto riguarda mala-occlusione dentaria chiaramente potrebbe derivare da un uso eccessivo del ciuccio dopo i 3 anni.

Detto questo, è abbastanza evidente che sono favorevole all’uso del ciuccio? 😉

Infatti il rischio è che con il passare dei mesi il bambino soddisfi il suo naturale istinto di suzione di tipo consolatorio con il seno della mamma.

E’ bene che le mamme lo sappiano e che possano fare, consapevolmente, una scelta. Il creare un tabù sull’uso dei ciucci favorisce un clima di “terrorismo” che onestamente non credo sia il caso di continuare ad alimentare sopratutto in una fase delicata come può essere la nascita di un figlio.

A tale proposito  mi torna alla mente un ricordo di quando ero in ospedale dopo avere partorito mia figlia. La vicina di letto mi disse sottovoce di non fare vedere ai medici e alle infermiere che avevo con me il ciuccio perchè non volevano che si desse ai bambini. Io feci di testa mia e lo diedi a mia figlia. Quando il pediatra la visitò non solo non disse nulla, anzi incoraggiò la piccola a prendere il ciuccio per calmarsi, visto che in quel momento strillava come un’aquila, perchè la stavano spogliando per visitarla. Ma a quel punto pensai: perchè questo clima di ansia intorno al ciuccio?
Inoltre continuo a chiedermi: non è meglio lasciare che i neo genitori scelgano serenamente se dare il ciuccio o no senza creare inutili ansie?

In conclusione: ogni bambino è diverso,  i genitori (si, perchè anche i papà vanno coinvolti in questa scelta) hanno il diritto di decidere. Quello che posso consigliare è di sentire tutte le “campane” e successivamente farsi un’idea su cosa è meglio per se e per il proprio bambino.

Potrebbe interessarti anche : Come favorire l’avvio dell’allattamento al seno

8 pensieri riguardo “Il ciuccio

  1. Pensa che all’inizio anch’io ero sicura che non avrei mai offerto il ciuccio a mio figlio e quando una delle dottoresse dell’ospedale mi invitò ad usarlo se serviva, io la guardai inorridita! Ma dopo una settimana vidi che aveva davvero un effetto consolatorio sul mio cucciolotto e così ho cambiato idea.
    Penso sinceramente che siano gli eccessi il vero problema: un uso moderato del ciucco – e con moderato intendo nel tempo e specialmente nella lunga durata – non credo sia dannoso per l’idea che mi sono fatta! Certo è che se un bambino di 5-6 anni ancora lo chiede, forse c’è da chiedersi come mai…

    "Mi piace"

  2. Ciao Sabina. Grazie per avere condiviso la tua esperienza. 🙂 Come dici tu l’uso moderato del ciuccio non è dannoso e questo è giusto che le mamme lo sappiano. Poi saranno loro a scegliere se utilizzarlo oppure no.

    "Mi piace"

  3. Personalmente ritengo che l’uso del ciucco non sia un dramma e, non dico debba essere incoraggiato ma quantomeno preso in considerazione dalla coppia (intesa come mamma e papà e non mamma e figlio con conseguente estromissione del padre). Ritengo pertanto l’articolo interessante e condivisibile, ribadisco, anche e soprattutto se visto nell’ottica di un papà. Mi chiedo infatti, fin qui saremo tutti d’accordo che il dito non possa costituire una soluzione, come lo possa essere il seno!!! Innegabilmente questo taglierebbe fuori noi papà dalla gestione del lattante sia nei momenti di normale amministrazione (la mamma è presente) ma soprattutto nei momenti di straordinaria amministrazione (la mamma NON è presente). In questi secondi casi che soluzione avrebbe un padre per sopperire alle impellenti necessità del figlio? Mi metto a “discutere” con un bambino di pochi mesi e gli spiego che finché la madre non è reperibile se ne dovrà fare una ragione (magari nel frattempo ne approfitto e mi porto avanti per insegnargli a radersi, se è un maschio)? Fermo la prima che passa per strada? E anche qui ho dei dubbi: se una vale l’altra (cosa che personalmente NON credo) allora tanto varrebbe e addio rapporto privilegiato madre-figlio. Ritorniamo al ciuccio che mi sembra un ottimo compromesso. Infine: come “gestire” quei bambini che, nei primi mesi/anni di vita, se non hanno il ciuccio non prendono sonno? Li si addormenta attaccati al seno? Ritorniamo ai dilemmi di padre di cui sopra e cioè: e io come lo addormento se ho la necessità di farlo?

    "Mi piace"

  4. Io sono mamma da tre mesi del piccolo Elia,e ho provato a fargli prendere il ciuccio,ma lui l’ha sempre rifiutato! Secondo me potrebbe essere un valido alleato, e appoggio le mamme che ne fanno uso! Piacerebbe anche a me!

    "Mi piace"

    1. Ciao Stefania! Capita spesso che i neonati, sopratutto se allattati al seno, rifiutano in ciuccio. Puoi provare con modelli che hanno la tettarella piccola perchè di solito più graditi. Infine il momento migliore per provare a darlo è subito dopo la poppata quando sta per addormentarsi, in questo modo non influisce sull’allattamento e il bambino associa il ciuccio alla nanna.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.